Francesco Vespe un “pensatore illuminato”!

9 Nov

Mi piace condividere su queste pagine un’attenta riflessione di una delle poche menti libere e pensanti della mia beneamata città, Matera!

 

Buona lettura:

“Le elezioni regionali ormai sono alle porte. Ci stiamo apprestando a vivere forse una vespefase storica della nostra Regione. Lo scenario politico nazionale che ha messo in ginocchio i partiti della II repubblica e premiato partiti come la Lega e il M5S, e quello regionale dove il blocco di potere del centro-sinistra è nell’occhio del ciclone per le inchieste sulla sanità, fanno pensare ad un radicale stravolgimento degli attuali assetti politici, così come avvenne 25 anni fa. Ci sono tuttavia delle novità decisive oggi. Nel 1995 il centro-sinistra riuscì a prevalere perché buona parte della vecchia DC pilotata da Colombo si spostò a sinistra. Nei fatti la classe politica che aveva fino ad allora governato la regione, continuò a farlo gattopardescamente (si cambia per non cambiare nulla ! ) sotto l’etichetta dell’Ulivo. Oggi invece se il blocco di centro-sinistra perdesse nella nostra regione ci sarebbe un cambiamento radicale dell’attuale assetto politico con nuovi programmi (?) e, soprattutto, nuovi uomini.

 Se la battaglia deve essere solo quella di sostituire tiranno a tiranno certamente non ne vale la pena intraprenderla. Vale la pena invece farla se si vogliono spezzare definitivamente le catene di quella solidarietà verticale e feudale che è alla base delle pratiche clientelari. A dirla con Putnam, occorre passare dal feudalesimo alla stagione dei comuni anche qui al Sud. Un secondo impegno, se vogliamo frutto perverso di quella solidarietà verticale di cui si parlava, sarà quello di valorizzare una volta per tutte merito e competenza. Non solo nella nostra regione, ma negli apparati politici e statali del nostro paese la rappresentanza si sovrappone sempre meno con la competenza. SI fa carriera e si viene premiati per la fedeltà al feudatario di turno piuttosto perché bravi. Come spiegare altrimenti gli scandali nella sanità esplosi nella nostra regione ? Come spiegare che personalità di spicco con meriti ben riconosciuti anche a livello internazionale, poi siano invece sbeffeggiati ed umiliati nella nostra terra come il maestoso Albatros di Baudelaire che, catturato e posato sulla tolda della nave, viene schernito da rozzi marinai. Sarebbe molto interessante fare uno studio di quanto PIL il nostro paese perde perché persone sbagliate vengono messe in posti sbagliati.

Un altro male del nostro territorio riguarda il ruolo della politica che si arroga la competenza e la prepotenza di decidere chi vince e chi perde nella società. Non può e non deve essere così. La politica deve fare un passo indietro, anzi due! Deve solo adoperarsi affinché nella nostra società le energie migliori emergano. Ci manca quella cultura liberale (manca poi nei fatti a tutto il nostro paese) e facciamo finta di non conoscere i potenziali benefici strategici di uno stato ed un apparato pubblico che si chiama discretamente ai margini delle dinamiche sociali ed economiche, da affidare invece alla sussidiarietà orizzontale. Il pubblico e la politica invece deve adoperarsi per creare le condizioni oggettive e favorevoli sul territorio perché poi si trovi conveniente investire sul suo suolo e sul suo patrimonio umano e sociale. Prima di tutto infrastrutturare adeguatamente ed in modo efficace il territorio anche dal punto di vista immateriale. Far costare meno l’energia, far applicare tassi bancari più “umani” alle imprese, lavorare per un alleggerimento della pressione fiscale (le cosiddette ZES), rafforzare e qualificare ulteriormente le reti del sapere e dell’innovazione tecnologica così poderosamente presenti sul nostro territorio. Lavorare in particolare perché si inneschi quel circolo virtuoso fra formazione, Innovazione scientifica e tecnologica e trasferimento alle imprese che ha fatto la fortuna di aree come la Silicon Valley californiana, la francese Tolosa o l’indiana Bangalore. Il settore aerospaziale (Matera), delle Energie alternative e l’agricoltura di precisione (Metapontino) della meccanica (Melfi ed Il Vulture) e delle Osservazioni della Terra (Potenza) potrebbero essere i poli e i settori dove si sviluppa innovazione tecnologica e trasferimento alle imprese

Ma quello che propongo è un libro dei sogni ? Certamente no. Avremmo potuto tranquillamente usare la leva del petrolio in modo virtuoso ed ecologico, come è stato fatto in Norvegia. Se avessimo rinunciato alle royalties (quelle si elargiscono ai paesi poveri che hanno amministratori corrotti come la Nigeria!) e avessimo invece lavorato per costruire quelle convenienze territoriali di cui abbiamo parlato, oggi non saremmo alle prese con quell’emergenza ambientale che giustamente gli ambientalisti “duri e puri” stanno ferocemente denunciando. Ma tutto questo non è avvenuto! Abbiamo invece preferito creare una nuova figura mitica: l’Assessore-Sceicco affetto da Royaltiesdipendenza!

Francesco Vespe”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *